Coworking: cosa, come e perché.

Affittare un ufficio per intraprendere un’attività professionale comporta una serie di costi notevoli da tenere in considerazione, che comprendono tutte le spese di gestione (affitto, luce, riscaldamento, telefono, connessione a internet, rifiuti, spese condominiali…) e tutte le spese per l’acquisto degli arredi dell’ambiente e degli strumenti indispensabili per poter operare in modo professionale (computer, modem, stampante…), oltre al tempo da spendere nei contratti da stipulare per poter avviare la propria attività.

Impegni e costi rappresentano quindi un problema, soprattutto quando si dà vita ad una nuova attività, ad una startup o si lavora da freelance e non si hanno ancora entrate sicure e costanti per poter far fronte a tutte le uscite.

Inoltre, in un mondo sempre più smart ed informale che muta continuamente inseguendo una rivoluzione digitale che prende ogni giorno più velocità, anche il lavoro diventa delocalizzato e assume forme nuove, senza avere più bisogno di luoghi fisici stabili per essere svolto.

è in questo scenario che si va ad inserire un nuovo modello di ufficio che rappresenta la soluzione che mette i professionisti nella condizione di poter lavorare serenamente abbattendo notevolmente i costi: il coworking.

Cos’è il coworking?

Il coworking è un ambiente di lavoro attrezzato, confortevole e funzionale dove svolgere la propria attività, condividendo lo spazio con altri professionisti che operano in ambiti e settori differenti. Questo permette non solo di contenere il budget della propria attività, ma anche di creare relazioni e sinergie in un ambiente che diventa “incubatore” di incontri, contatti, relazioni, scambi e collaborazioni che permettono di crescere e sviluppare in più direzioni il proprio business.

Come funziona il coworking?

All’interno di questo spazio condiviso, attraverso il pagamento di un canone (molto più basso e flessibile rispetto a quello di una locazione “tradizionale”) ogni professionista ha a disposizione una personale postazione di lavoro (che può essere una singola scrivania condivisa o un ufficio privato) e tutti gli strumenti e le attrezzature necessarie per operare, oltre a sale riunioni e zone relax dotate di cucina da poter liberamente utilizzare. I costi di gestione e le utenze, come la climatizzazione, la corrente elettrica, le pulizie e la connessione a internet, sono compresi nel canone mensile, mentre tutta la burocrazia amministrativa e legale è a carico del proprietario che affitta lo spazio.

Il coworking è un metodo di lavoro flessibile e libero che permette di utilizzare e pagare la postazione solo quando necessaria e lasciarla libera per altri professionisti quando non serve, con la possibilità di attivare pacchetti giornalieri, settimanali, mensili o annuali che consentono un ulteriore risparmio.

Perché il coworking?

Coworking per avere un luogo professionale dove lavorare ad un prezzo più basso rispetto ad un normale ufficio e senza tutti gli impegni, le scadenze e i pensieri che comporta un tradizionale affitto.

Coworking per avere occasioni di interazione, scambio e collaborazione con altri professionisti in ambiti e settori differenti e per questo senza competizioni o rivalità, in un ambiente che si rivela stimolante e positivo.

Coworking per condividere idee e progetti, creare una grande rete di contatti e far crescere il proprio business

L’ufficio del futuro si chiama coworking.

WRITE A COMMENT

RELATE POSTS

Cerca qualcosa